Gli approcci interpretativi allo studio della globalizzazione

Negli ultimi 25 anni, nell’ambito degli studi sul tema della globalizzazione si è sviluppato un approccio variegato alle dimensioni ideative e discorsive della globalizzazione. Berry (2008, 2011) include quattro prospettive principali all’interno di questo approccio: la cosidetta “terza ondata” delle teorie sulla globalizzazione, una prospettiva post-strutturalista, una neo-gramsciana ed una sociologica.

1) La “terza ondata” delle teorie sulla globalizzazione.

Questa prospettiva concepisce la globalizzazione come un insieme di idee, prodotte da alcuni attori economici e politici per giustificare o legittimare il cambiamento, che forniscono cornici cognitive attraverso le quali interpretare la realtà sociale e definire ciò che è economicamente e politicamente accettabile in termini di politiche pubbliche (Hay, 1997, 1999, 2002). Questa prospettiva si concentra sulle analisi empiriche di queste idee, soprattutto nel discorso politico britannico, con l’obiettivo di demistificare la globalizzazione come un’idea falsa (Hay, 1997, 1999, 2002, 2014, 2018; Hay & Marsh, 2000; Hay & Rosamond, 2002; Hay & Smith, 2005; Hay & Watson, 1998; Rosamond, 1999, 2003; Smith, 2005; Watson, 1999). Si sviluppa con le analisi del discorso politico del nuovo partito laburista di Blair sulla globalizzazione (Hay, 1997; Hay & Smith, 2005; Hay & Watson, 1998, Berry, 2008), da cui scaturisce l’ipotesi che il discorso politico della globalizzazione, piuttosto che la globalizzazione stessa, modelli l’azione politica, definendo ciò che può essere politicamente ed economicamente accettabile in termini di politiche pubbliche (Hay & Watson, 1998) e che le istituzioni politiche hanno usato strategicamente diversi discorsi sulla globalizzazione per scopi differenti, al fine di giustificare e legittimare la propria azione politica (Hay, 2002, 2014, 2018; Hay & Smith, 2005; Hay & Rosamond, 2002).

2) La prospettiva post-strutturalista.

La prospettiva post-strutturalista concepisce la globalizzazione come un insieme di narrazioni che danno significato alla realtà ed esercitano il potere riformulando l’immaginario economico collettivo della società sulla base di una compressione spazio-temporale. Il concetto centrale di queste narrazioni è l’emergere di un’economia post-nazionale rappresentata da tre diversi domini: l’economia offshore e globale, l’economia nazionale – che diventa asservita all’economia offshore-globale in quanto gli stati entrano in competizione tra loro per servire l’economia globale – e l’economia periferica dei socialmente esclusi, che deve essere ripristinata per partecipare alla competizione. In questo senso, la globalizzazione prescrive un nuovo ruolo per lo stato come attore economico esclusivo soggetto a una logica economica, piuttosto che capace di plasmare l’economia da un punto indipendente e che quindi dovrebbe relazionarsi con i suoi cittadini solo in termini economici (Cameron & Palan, 2004).

3) La prospettiva neo-gramsciana.

La prospettiva neo-gramsciana concentra la sua analisi sia sulla dimensione strutturale che su quella ideativa della globalizzazione. La prima è concepita come l’emergere di un unico sistema di capitalismo globale e la seconda come la dialettica tra l’ideologia egemonica (la globalizzazione liberale basata sulla teoria ricardiana del libero scambio e sull’individualismo antistatalista) e quella contro-egemonica (la democratizzazione globale dei movimenti globali). Rifacendosi al pensiero foucaultiano (Foucault, 1969, 1971), questa prospettiva considera la globalizzazione come una forma di potere intellettuale che si esprime attraverso il sistema di conoscenze dell’ideologia neoliberale e viene propagata dall’autorità istituzionale (Rupert, 2000; Mittelman, 2004; Antoniades, 2007).

4) La prospettiva sociologica.

Questa prospettiva si concentra sull’idea di globalizzazione come cultura e periodo storico (Berry, 2008). In questo senso, Shaw (1994, 2000) sostiene che la globalizzazione riguarda la produzione di un’identità globalista, all’interno della quale vede, ad esempio, lo sviluppo di una “società civile globale” contro il potere economico e politico globale. Featherstone (1995) e Albrow (1996) concepiscono la globalizzazione come basata sull’idea di mondo come spazio unico. Sia Shaw (1994) che Albrow (1996) propongono l’idea di uno stato globale come modalità di governo più democratica, al posto dello stato-nazione. Naim e James (2005), invece, si concentrano sull’emergere di un globalismo neoliberale, come ideologia del mercato globale. All’interno di questa quarta prospettiva occupa un posto di rilievo la teoria di Manfred Steger (Steger, 2002, 2005, 2008, 2013, 2018, 2019, 2021; Steger & James, 2019, 2020), che concepisce la globalizzazione come una nuova ideologia del globalismo di mercato: un’ideologia egemonica promossa dalle élite globali per legittimare il loro potere, che rappresenta la prospettiva dominante sul significato della globalizzazione e costituisce il prodotto del discorso sulla globalizzazione fatto dai neoliberisti, associando la globalizzazione al mercato, al fine di legittimare la nozione di libero scambio. Attraverso una nuova versione della sua teoria, basata sul concetto di connettività, Steger (2021) sostiene che dopo la crisi planetaria di Covid-19 la globalizzazione non sta finendo, ma si sta radicalmente riorganizzando attorno a una profonda disgiunzione tra la sua dimensione digitalizzata-disincarnata e le sue dimensioni incarnate, rappresentate dalla mobilità fisica globale di esseri umani, oggetti e istituzioni. Questo processo, sostiene l’autore, contribuisce a spiegare le nuove forme di sorveglianza digitale messe in atto dal potere.

Bibliografia

Albrow, M. (1996). The Global Age. Cambridge: Polity.

Antoniades, A. (2007). Examining Facets of the Hegemonic: The Globalization Discourse in Greece and Ireland. Review of International Political Economy 14(2), 306-32

Berry, C. (2008). International Political Economy. The Globalisation Discourse. Working papers, University of Warwick. Centre for the Study of Globalisation and Regionalisation.

Berry, C. (2011). Globalisation and Ideology in Britain: Neoliberalism, Free Trade and the Global Economy. Manchester: Manchester University Press.

Cameron, A. & Palan, R. (2004). The Imagined Economies of Globalization. London: Sage.

Featherstone, M. (1995). Undoing Culture: Globalization, Postmodernism and Identity. London: SAGE.

Foucault, M. (1969). L’Archéologie du Savoir. Paris: Gallimard.

Foucault, M. (1971). L’Ordre du Discours. Paris: Gallimard

Hay, C. (1997). Anticipating Accommodations, Accommodating Anticipations: the appeasement of Capital in the Modernization of the British Labour Party. Politics and Society 25 (2), 234-256.

Hay, C. (1999). The Political Economy of New Labour: Labouring Under False Pretences. Manchester: Manchester University Press.

Hay, C. (2002). Globalisation as Problem of Political Analysis: Restoring Agents to a “Process Without a Subject” and Politics to a Logic of Economic Compulsion. Cambridge Review of International Affaire 15 (3), 379-392.

Hay, C. (2014). Globalisation’s Impact on States. In Ravenhill, J. (Ed.). Global Political Economy, Oxford: Oxford University Press.

Hay, C. (2018). Globalization and the State: Rhetoric and Reality. London: Palgrave Macmillan

Hay, C. & Marsh, D. (2000). Introduction: Demystifying Globalization. In C. Hay & D. Marsh (Eds.) Demystifying Globalization (pp. 1-17). Basingstoke: MacMillan.

Hay, C. & Rosamond, B. (2002). Globalization, European Integration and the Discursive Construction of Economic Imperatives. Journal of European Public Policy 9 (2), 147-167.

Hay, C. & Smith, N. J. (2005). Horses for Courses? The Political Discourse of Globalisation and European Integration in the UK and Ireland. West European Politics 28 (1), 124-158.

Hay, C. & Watson, M. (1998). The Discourse of Globalisation and the Logic of NoAlternative: Rendering the Contingent Necessary in the Downsizing of New Labour’s Aspirations for Government. In Dobson, A. & Stanyer, J. (Eds.). Contemporary Political Studies, Vol. 2, 812-822.

Mittelman, J. H. (2004). Whither Globalisation? The Vortex of Knowledge and Ideology. London: Routledge

Naim, T. & James, P. (2005). Global Matrix: Nationalism, Globalism and State-Terrorism. London: Pluto.

Rosamond, B. (1999). Globalisation and the Social Construction of European Identities. Journal of European Public Policy 6 (4), 652-668.

Rosamond, B. (2003). Babylon and On: Globalisation and International Political Economy. Review of International Political Economy, 10 (4), 661-667

Rupert, M (2000). Ideologies of Globalisation: Contending Visions of a New World Order, London: Routledge

Shaw, M. (1994). Global Society and International Relations. Cambridge: Polity.

Shaw, (2000). The Theory of the Global State. Cambridge: Cambridge University Press.

Steger, M. B. (2002). Globalism: The New Market Ideology, Oxford: Bowman and Littlefield.

Steger, M. B. (2005). Ideologies of Globalization. Journal of Political Ideologies, 10 (1), 11-30.

Steger, M. B. (2008). The Rise of the Global Imaginary: Political Ideologies form the French Revolution to the Global War on Terror. New York: Oxford University Press.

Steger, M. (2013). Globalization: A very short Introduction. Oxford: Oxford University Press.

Steger, M. (2018), Globalization versus the State: False Antinomy or Logical Fallacy? Studies in Political Economy, vol. 99, no. 1, pp. 97-105.

Steger, M. B. (2019). Globalism: Facing the Populist Challenge. Lanham: Rowman & Littlefield.

Steger, M. B. (2021). The GState of Globality in a (post)-COVID World. New Global Studies. 2-3, 117-143.

Steger, M. B., & James, P. (2019). Globalization Matters: Engaging the Global in Unsettled Times. Cambridge University Press.

Steger, M. B., & James, P. (2020). Unsetting Subjectivity across Local National and Global Imaginaries: producing an Unhappy Consciousness. Glocalism, 1-27.

Watson, M. (1999). Rethinking Capital Mobility: Re-Regulating Financial Markets. In New Political Economy, 4 (1), 55-75

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.