Possibili campi di intervento di una psicologia che promuove sviluppo: l’analisi della domanda formativa

L’analisi della domanda formativa in osteopatia

Premessa

Questo resoconto descrive i risultati di un’analisi della domanda formativa in una scuola di osteopatia di Roma. Il lavoro è stato realizzato nell’ambito di un più ampio progetto di sviluppo organizzativo volto a promuovere la qualità del processo formativo e la soddisfazione del cliente, attraverso l’incremento delle competenze organizzativo-relazionali di docenti, personale amministrativo e management della scuola.

Come primo passo di questo percorso di sviluppo, si è deciso – insieme alla direzione della scuola – di procedere ad un approfondimento della comprensione delle esigenze implicite ed esplicite del proprio cliente finale (gli studenti).

Obiettivi

Obiettivo principale della ricerca è stato l’individuazione delle aspettative e delle percezioni degli studenti rispetto alla loro esperienza formativa, in funzione degli obiettivi formativi e professionalizzanti della scuola; allo scopo di riorganizzare l’offerta dei suoi servizi formativi secondo più efficaci linee di sviluppo della professione di osteopata.

Tale obiettivo è stato definito anche in rapporto ai cambiamenti attualmente in corso rispetto alla dimensione della relazione medico-paziente e allo sviluppo dell’immagine delle cosiddette “nuove medicine”, entro le quali può essere annoverata la medicina osteopatica.

Metodologia

La ricerca è stata realizzata attraverso una fase di raccolta dati, mediante focus group con tutte le classi della scuola, ed una successiva analisi qualitativa dei dati, secondo il modello teorico dell’analisi della domanda (Carli 1987, 1992; Carli e Paniccia 2003). In tal modo sono stati identificati gli aspetti salienti della cultura locale degli studenti, considerata come l’insieme delle reciproche rappresentazioni emozionali della propria esperienza formativa in questa scuola di osteopatia, da parte dei suoi studenti.

Risultati

L’analisi dei dati ha fornito una segmentazione culturale della domanda formativa in otto diverse modalità, sulla base del tipo di orientamento degli studenti verso l’osteopatia e della loro percezione della propria esperienza formativa presso la scuola di osteopatia di Roma.

Le otto modalità di domanda formativa risultano cosi caratterizzate:

  1. orientamento ad un approccio olistico al corpo e alla malattia

  2. sfiducia verso la scuola di osteopatia e la professione di osteopata

  3. forti aspettative di autonomia e di guadagno associate alla professione di osteopata

  4. attenzione alla conoscenza dei processi anatomo-fisiologici come base per il trattamento terapeutico

  5. indecisione nella scelta post-diploma ed avvicinamento all’osteopatia su indicazione di un familiare (medico o osteopata)

  6. rappresentazione della formazione in osteopatia come integrazione delle proprie competenze nel campo dei trattamenti corporei

  7. passione personale per i trattamenti manipolativi-corporei ed interesse allo sviluppo della professione di osteopata

  8. rappresentazione del proprio incontro con l’osteopatia come importante momento di cambiamento personale

In base a questi elementi sono stati individuati i seguenti indicatori di qualità del servizio formativo della scuola di osteopatia:

  • gli obiettivi professionalizzanti (competenze tecniche, relazionali e organizzative)

  • la condivisione degli obiettivi e delle modalità formative

  • l’organizzazione didattica

  • il materiale didattico

  • le metodologie didattiche

  • l’esperienza e la capacità di insegnamento dei docenti

  • l’esperienza clinica dei docenti

  • la continuità didattica

  • un’adeguata attività pratica per la sperimentazione diretta di tecniche di trattamento

  • la capacità della scuola di comprendere le esigenze degli studenti

  • la modalità di rapporto tra docenti, scuola e studenti

  • l’organizzazione degli esami

  • l’adeguatezza dei criteri di valutazione della scuola da parte degli studenti

Ipotesi di sviluppo

Come risultato finale della ricerca, sono state individuate tre aree principali di sviluppo del processo formativo della scuola, di seguito riportate:

  1. Miglioramento dei processi comunicativi tra direzione, docenti e studenti, orientata ad una maggiore condivisione degli obiettivi, delle strategie e delle modalità di sviluppo della qualità del processo formativo

  2. Sviluppo di un ruolo attivo da parte della scuola per il miglioramento delle competenze formative dei docenti, anche in un’ottica di sviluppo delle risorse umane

  3. Integrazione tra analisi della domanda formativa e valutazione della soddisfazione del cliente, in un’ottica di sviluppo della cultura dell’orientamento al cliente volta a favorire una concreta integrazione tra competenze tecniche ed organizzative nel processo formativo

Bibliografia

Carli R., L’analisi della domanda, in Rivista di psicologia Clinica, 1, 1987, pp. 38-53

Carli R., L’analisi della domanda nell’intervento psico-sociale, in Il giornale degli psicologi, 1, 1992, pp. 13-20

Carli R., Paniccia R. M. (2003), Analisi della domanda. Teoria e tecnica dell’intervento in psicologia clinica, Il Mulino, Bologna

Una risposta a “Possibili campi di intervento di una psicologia che promuove sviluppo: l’analisi della domanda formativa

  1. Pingback: Soddisfazione del cliente, immagine aziendale e professionale: analisi della cultura locale degli studenti di una scuola di osteopatia di Roma. | Psicologia e sviluppo locale·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.